Fotografie e Riprese Aeree con Drone

PILOTA APR I.APRA.004155 - Operatore ENAC APR No. 12290

SAPR: Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto

© Antonello Zoffoli, 2018

Dopo un percorso formativo, presso ITALDRON ACADEMY a Ravenna, ho conseguito l’attestato di PILOTA APR I.APRA.004155 – con abilitazione VL/Mc CRO.

Sono stato successivamente riconosciuto dall’Ente Nazionale Aviazione Civile Operatore ENAC APR No. 12290 – Autorizzazione per Operazioni Specializzate Critiche.

Il mio Aeromobile a Pilotaggio Remoto (drone) è stato autorizzato anche per OPERAZIONI CRITICHE – SCENARI STANDARD S01 – S04 – S06.

L’impiego di SAPRSistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto – chiamati anche Droni,  in ambito civile ed industriale sta moltiplicando le opportunità per professionisti ed aziende che vogliono effettuare dall’alto riprese video e fotografie, ispezioni di edifici o altre strutture, con la versatilità di queste “fotocamere volanti”, dal costo operativo non paragonabile a quello di mezzi tradizionali (come un elicottero), e con la capacità di operare in scenari ostici ad approcci convenzionali.

Il tutto nel rispetto di quanto imposto dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile.

Presente sul sito Droni e Piloti.

Campi di applicazione

I campi di applicazione sono molteplici, eccone alcuni:

FOTOGRAFIE E RIPRESE AEREE CON DRONE
Riprese aeree per una attività, un sito internet, per uno spot o per videomarketing, per monitoriaggio di un terreno o l’ispezione di un’infrastruttura verticale difficilmente raggiungibile. Una panoramica aerea di un edificio storico o magari un’attività di sorvolo per attività di ricerca.

ISPEZIONI E RILIEVI CON DRONE
Supervisione di un cantiere, indagini preliminari di un terreno, ispezioni di tetti o infrastrutture difficilmente raggiungibili con costi ridotti rispetto ad altri sistemi aerei.

VIDEO AZIENDALI E SPOT PROMOZIONALI CON DRONE
Video promozionale realizzato con qualità professionale, da un punto di vista diverso dal solito.

Le fotografie possono essere fornite in formato RAW o già post prodotte e pronte per l’uso. Anche il video può essere consegnato in formato grezzo se da integrare ad un progetto esistente o montato e post prodotto.

Dove posso operare

Scenari Standard

In base alle autorizzazioni rilasciate da ENAC per questi scenari posso operare nei seguenti Ambienti senza necessità di ulteriori permessi (salvo aeree private o nei pressi di aree sensibili), rispettando le Limitazioni Operative, qui sotto un estratto.

N.B. È possibile operare anche in situazioni differenti previa autorizzazione da richiedere caso per caso.

Il sorvolo di assembramenti di persone o cortei è in ogni caso vietato.

Lo Scenario Standard S01

AMBIENTE OPERATIVO: Aree urbane che non prevedono il sorvolo di persone nell’area delle operazioni a meno che non siano indispensabili alle operazioni e addestrate allo scopo

LIMITAZIONI OPERATIVE PER LA CONDUZIONE DELLE OPERAZIONI:
Altezza massima: 50 m
Distanza massima orizzontale dal pilota: 100 m
Dimensione minima di buffer: 30 m
Dimensione minima del buffer con funzione “geofencing” attiva: 15 m (vedi nota)
Dimensione minima del buffer per operazioni con cavo: 5 m

Nota: La funzione geofencing per la riduzione della dimensione del buffer è riferita alla delimitazione del volume di spazio aereo dell’area di operazione, tesa ad impedire l’uscita non intenzionale dell’APR dall’area delle operazioni.

Lo Scenario Standard S04

AMBIENTE OPERATIVO: Rilievi su cantieri in aree extraurbane e rilievi su infrastrutture lineari (e.g. autostrade, elettrodotti, ferrovie, gasdotti) che non prevedono il sorvolo di persone nell’area delle operazioni a meno che non siano addestrate allo scopo.

LIMITAZIONI OPERATIVE PER LA CONDUZIONE DELLE OPERAZIONI:
Altezza massima: 150 m VLOS diurno / 50 m VLOS notturno
Distanza massima orizzontale dal pilota: 500 m VLOS diurno / 100 m VLOS notturno
Dimensione minima di buffer: 30 m (da infrastrutture esterne)
Dimensione minima del buffer con funzione “geofencing” attiva: 15 m (vedi nota)
Dimensione minima del buffer per operazioni con cavo: 5 m

Nota: La funzione geofencing è riferita alla delimitazione del volume di spazio aereo dell’area di operazione, tesa ad impedire l’uscita non intenzionale dell’APR dall’area delle operazioni. 

Lo Scenario Standard S06

AMBIENTE OPERATIVO: Riprese televisive/cinematografiche di eventi in aree extraurbane che non prevedono il sorvolo di persone nell’area delle operazioni a meno che non siano indispensabili alle operazioni e addestrate allo scopo.

LIMITAZIONI OPERATIVE PER LA CONDUZIONE DELLE OPERAZIONI:
Altezza massima: 150 m VLOS diurno / 50 m VLOS notturno
Distanza massima orizzontale dal pilota: 500 m VLOS diurno / 100 m VLOS notturno
Dimensione minima di buffer: 20 m (dai soggetti di ripresa)
Dimensione minima del buffer per operazioni con cavo: 5 m

Attrezzatura

DJI PHANTOM 4 PRO

  • Quadricottero con circa 25 min. di autonomia di volo per batteria
  • Fotocamera da 20 mpx, sensore da 1″, registrazione file in formato RAW
  • Registrazione video in 4K 60fps, con CODEC H.264/H.265 e BITRATE 100Mbps

Attenzione alle autorizzazioni

Affidarsi ad operatori non autorizzati o piloti “fai da te” è pericoloso, illegale, e pesantemente sanzionabile.

– solo Operatori riconosciuti ENAC sono autorizzati a svolgere lavoro aereo, tramite sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, su tutto il territorio italiano.

– solo Piloti formati in scuole certificate, ed operanti per conto di Operatori riconosciuti ENAC, sono autorizzati al decollo per attività di lavoro aereo.

– la legge italiana prevede, per operatori e piloti SAPR abusivi, e per il committente del lavoro aereo svolto illegalmente, le stesse sanzioni applicate per illeciti compiuti con aeromobili tradizionali.

Contattami per maggiori informazioni

Pin It on Pinterest